Conviene girare in 4k?

Consigli utili per chi si avvicina al mondo dei video

La dimensione delle immagini viene misurata con un’unità minima convenzionale chiamata pixel moltiplicando la lunghezza per l’altezza delle stesse. 

I formati più comunemente usati sono classificati in base all’altezza dell’immagine:

  • 480 DVD                   = 720×480    (pixel)
  • 720 HD Ready         = 1280×720      
  • 1080 Full HD           = 1920×1080    “
  • 4K UHD                    = 3840×2160    “
  • 4K Standard DCI    = 4096×2160    “    (industria     cinematografica)

La foto sopra mostra  le diversità delle dimensioni delle immagini tra i vari formati: il 4K DCI contiene 8,84 megapixel (1 megapixel = 1 milione di pixel), il 4k UHD 8,29 che sono circa 4 volte più grandi del FULL HD che contiene “soltanto” 2,07 megapixel. 

Più alto sarà il numero dei pixel, più nitida sarà l’immagine e la pesantezza dei file (espressa in megabyte) aumenterà in proporzione,

Ma se la maggior parte dei TV, tablet e devices in generale non supporta (ancora) questa risoluzione, ha senso girare in 4K? La risposta a mio avviso è sempre si anche perché tra non molto il FULL HD diventerà obsoleto, (in Giappone la TV pubblica sta già sperimentando l’8K).

Non mi dilungo nei dettagli, ma arrivo subito al dunque con le 3 motivazioni che ritengo fondamentali dal punto di vista tecnico:

  1. se hai un progetto in FULL HD ed usi un file 4k puoi scegliere se mantenere la proporzione (avrai un ingrandimento della ripresa), oppure ridurre la scala del 50% mantenendo sempre tutti i dettagli
  2. stabilizzando in post produzione i programmi di editing possono “mangiarsi” fino al 15 % dell’immagine 
  3. si possono effettuare effetti zoom e slide mantenendo sempre la definizione ottimale

L’unico “problema” è l’archiviazione: per esempio con la mia Panasonic Lumix GH5, girando in 4K, 1 minuto di girato occupa circa 1 gigabyte di memoria. Si ovvia naturalmente con HDD (Hard Drive Disk) esterni nell’ordine dei terabyte (1TB = 1000 GB) ma dallo scaricare i file alla loro lavorazione diventa tutto molto più lento e laborioso, tanto da dover utilizzare PC o Mac adeguatamente potenti.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *